Danni cerebrali causati da malasanità

Assistenza legale e medico legale - risarcimento del danno

Lo Studio GRDLEX ha esperienza nell'assistenza alle vittime di danni causati da colpa medica.

Se tu o un tuo parente avete subito un danno cerebrale a causa di negligenza, imperizia o imprudenza medica, potreste aver diritto ad un risarcimento.

Per ottenere un inquadramento gratuito del caso contatta i nostri avvocati.

Lesioni cerebrali

Le lesioni cerebrali sono considerate emergenze mediche e estremamente gravi che, quindi, necessitano di essere trattate immediatamente. Le lesioni cerebrali in nesso causale con prestazioni medico-sanitarie possono essere associate a diversi tipi di condotte censurabili: errori dei sanitari che assistono al travaglio ed al parto, complicazioni dell'anestesia non comunicate al paziente, errori chirurgici, errori nella somministrazione di farmaci, perfusione inadeguata durante l'intervento di bypass coronarico, compressione della trachea e mancato monitoraggio e/o trattamento dell'ipotensione.

Come si verifica la lesione cerebrale?

Il cervello ha bisogno di un flusso costante di ossigeno. Poiché i polmoni trasferiscono ossigeno da aria inalata nel sangue, la perdita o compromissione della ventilazione provoca un'insufficienza di ossigeno nel sangue del paziente. Poiché il sangue trasporta ossigeno al cervello, inadeguati livelli di ossigeno nel sangue causano insufficienti livelli di ossigeno  nel cervello.

Il mancato apporto di ossigeno al cervello provoca gravi disturbi delle funzioni cognitive, fisiche e psichiche. Dopo soli cinque minuti di assenza di ossigeno, le cellule cerebrali cominciano a morire. Tanto più lungo è il cervello è esposto ad assenza di ossigeno ossigeno,  quanto più gravi sono le conseguenze che possono verificarsi, come coma, convulsioni e morte cerebrale. Questo è il motivo per cui le lesioni cerebrali devono essere trattate il più rapidamente possibile. Le probabilità di morte cerebrale e di gravi lesioni cerebrali sono direttamente proporzionali alla durata dell'interruzione dell'apporto di ossigeno.

Il cervello è estremamente sensibile a diminuzioni del livello di ossigeno . Una totale mancanza di ossigeno al cervello può causare lesioni in appena tre minuti.

Con l'avanzare della morte delle cellule del cervello, dai vasi sanguigni che forniscono sangue alle cellule stesse comincia a fuoriuscire liquido. Ciò determina la formazione di edema. Questo processo determina un circolo vizioso: il gonfiore provoca ulteriore morte delle cellule cerebrali fino a quando, con la morte cellulare nel centro respiratorio del cervello, la respirazione del paziente comincia a rallentare e fino ad interrompersi.

Sintomi di danno cerebrale

I sintomi di lesioni cerebrali a causa di una mancanza di ossigeno sono:

  • Perdita di memoria
  • Cambiamenti di personalità
  • Difficoltà di eloquio
  • Difficoltà di apprendimento
  • Disturbi visivi
  • Disorientamento spaziale e temporale
  • Mancanza di coordinamento
  • Spasticità, rigidità, e mioclono - disturbi tra cui scatti movimenti e tremore
  • Debolezza alle braccia e alle gambe

Molte lesioni cerebrali da casi di malasanità si verificano mentre il paziente è sedato. Quindi non ci sono sintomi evidenti diversi segni vitali del paziente.

Casi tipo di danni cerebrali causati da omissioni di trattamento o errori nella chirurgia

Se trattata immediatamente, una lesione cerebrale ha meno probabilità di causare gravi, lesioni permanenti. Tuttavia, il trucco è quello di notare, diagnosticare e trattare il problema che causa la privazione di ossigeno nel minor tempo possibile. Più lungo è il paziente è lasciato con un cervello che non riceve ossigeno, maggiore è la probabilità di danni irreversibili. Di seguito sono riportati alcuni ipotesi tipo di richieste di risarcimento per lesioni cerebrali da malasanità. Tenete a mente che ogni caso è diverso ed i risultati concreti di ogni singolo caso variano a causa di fatti e circostanze specifiche.

  • Paralisi cerebrale infantile di tipo emiplegico: una neonata di due settimane viene visitata in un pronto soccorso e l'infermiera omette di comunicare i risultati anormali della coltura del sangue della neonata stessa al medico di turno o di inviarli al medico specialista. La neonata, a causa di ritardo nella diagnosi di sepsi con coinvolgimento meningeosvilupperà una paralisi cerebrale infantile di tipo emiplegico, una lesione cerebrale associata a ritardo mentale con deficit del linguaggio ed episodi convulsivi
  • Encefalopatia ipossico-ischemica e morte: una 42enne di sesso femminile, durante un'endoscopia e colonscopia, va in arresto cardiorespiratorio a causa della sua rottura del colon, con conseguente encefalopatia ipossico-ischemica e decesso due settimane più tardi.
  • Danno cerebrale da ictus: un insegnante di sesso femminile di 38 anni ha un collasso all'interno della sua abitazione. Viene trasportata in ospedale con sospetto di ictus. Al pronto soccorso, vengono effettuati alcuni esami e una TAC, la quale, tuttavia, non rileva la presenza di un coagulo nell'arteria cerebrale media. La donna viene ammessa in reparto con diagnosi di disturbi associati ad ansia. Nessun neurologo viene consultato chiamato, anche se la paziente non è in grado di camminare o parlare in modo chiaro. Il coagulo di sangue viene lasciato senza trattamento per oltre otto ore, fino a che ciò determina un danno cerebrale permanente.
  • Emorragia cerebrale con conseguente paralisi: ad un uomo di 42 anni viene prescritta Eparina in seguito a diagnosi di trombosi venosa profonda. Non esegue il follow-up successivo all'inizio della terapia, ma il medico di base continua a prescrivergli ancora il detto farmaco. Presentatosi ad una visita di controllo, la sua INR risulta avere un valore di 4,9, mentre l'intervallo normale è tra 2 e 3. Ciò significa che ha il paziente ha un aumentato rischio di emorragia. Il medico riduce il dosaggio, ma quattro giorni dopo, il paziente subisce una massiccia un emorragia cerebrale con conseguente paralisi.
  • Meningoencefalite batterica e paralisi cerebrale infantile: un neonato di 3 mesi viene condotto in ospedale a causa di febbre e altri sintomi che potrebbero essere indicativi di una infezione batterica. I medici del PS lo visitano, ma non eseguono esami per escludere eventuali infezioni. Il neonato viene infine dimesso senza prescrizione di antibiotici. Il giorno successivo, a causa di un peggioramento degli stessi sintomi, viene ricondotto nel Pronto Soccorso. Questa volta, il bambino viene ricoverato. Tuttavia, ancora una volta, non vengono eseguiti esami volti ad escludere stati infettivi. Due giorni dopo, viene dimesso senza cura antibiotica. Il giorno dopo, il piccolo paziente viene condotto in altra struttura sanitaria dove, in seguito a puntura lombare, viene posta diagnosi di meningite batterica. Ora il neonato soffre lesioni permanenti al cervello, perdita di udito, problemi visivi, idrocefalo ed epilessia.
  • Tetraparesi da insulto ipossico ischemico in neonato: Una donna incinta del suo secondo figlio si reca in ospedale circa un mese prima del termine della gravidanza. Viene posta diagnosi di rottura delle acque con liquido chiaro ed iniziato monitoraggio fetale il quale mostra un aumento della frequenza cardiaca del bambino. I sanitari, circa un'ora più tardi, si mostrano preoccupati per il risultato del monitoraggio ma non eseguono il taglio cesareo. Il bambino, partorito per via vaginale, ha problemi respiratori ma non viene correttamente intubato. Subisce quindi un danno ipossico ischemico con conseguente pci di tipo tetraparetico.
  • Endocardite, ictus e danni cerebrali permanenti: un uomo di 65 anni, si reca al pronto soccorso con dolore toracico e febbre. Le analisi del sangue rivelano positività allo streptococco e viene prescritto Levaquin (?). L'uomo torna al pronto soccorso due settimane più tardi a causa di mal di schiena senza danno. Viene prescritto Prednisone(?). Tre giorni dopo, egli torna al suo medico di base poiché il suo mal di schiena è peggioramento, e viene prescritto Vicodin (?). Va di nuovo alcuni giorni dopo in quanto è ancora in aumento. Poche settimane dopo, si reca al pronto soccorso con debolezza, stanchezza, vertigini, visione offuscata e  mal di schiena. Gli  viene diagnosticata una polimialgia reumatica. Torna al suo medico di base per altre due volte nel giro di pochi giorni per mal di schiena. Viene quindi inviato da un cardiologo, il quale ritiene che forse la sua valvola cardiaca artificiale è infetta. Viene ammesso al pronto soccorso con una diagnosi presuntiva di endocardite batterica e ha un ictus un paio di settimane più tardi. L'ictus è il risultato di un evento embolico causato dell'infezione valvola cardiaca. Di conseguenza, l'uomo subisce un danno cerebrale che gli determina molti problemi, tra cui difficoltà di deglutizione, perdita di memoria, depressione, zoppia, problemi di visione e molti altri.
  • Tetraparesi in seguito ad errori nel dosaggio di farmaci: un uomo di 51 anni viene sottoposto ad intervento chirurgico di sostituzione della valvola aortica. Il chirurgo ordina di somministrare 150 mg di Amiodarone (la dose standard). Tuttavia, l'anestesista, somministra 2.700 mg. Il sovradosaggio determina un danno cerebrale anossico nel paziente, che rimane affetto da tetraparesi, con conseguente perdita della capacità lavorativa  e necessità di assistenza continua.
  • Arresto cardiaco e danni cerebrali a causa di errori nella rimozione del CVC: un uomo di 35 anni viene sottoposto, con successo, a trapianto di midollo osseo. In procinto di essere dimesso, al paziente viene rimosso il catetere venoso centrale. I sanitari, tuttavia, non provvedono a mantenerlo in posizione supina sicché il paziente va in arresto cardiaco, con conseguente lesione cerebrale bilaterale anossica per cui ora soffre disabilità permanente, deficit cognitivo e non è in grado di lavorare. L'uomo effettua una richiesta di risarcimento nei confronti dell'ASL di appartenenza dell'ospedale, affermando che lo standard di cura per la rimozione del catetere doveva essere quello di  porre il paziente in posizione supina al fine ridurre le possibilità di verificazione di un embolo d'aria.
  • Danno cerebrale causato da emorragia post-operatoria: una donna di 46 anni esegue un intervento chirurgico di bypass gastrico. Prima dell'intervento le vengono somministrati due anticoagulanti, uno dei quali rimane nel sistema per 17-21 ore. Dopo la chirurgia, si verifica un'emorragia ed il cervello della donna viene privato di ossigeno per più di dieci minuti, con conseguenti danni cerebrali permanenti. La donna e i suoi familiari chiedono un risarcimento all'Azienda Ospedaliera, sostenendo che i sanitari sono stati negligenti nell'eseguire l'intervento mentre la paziente era ad alto rischio di emorragia. I medici si difendono sostenendo che il sanguinamento post-operatorio è comune dopo la chirurgia bariatrica.
  • Danni cerebrali causati da endoscopio: un bambino viene sottoposto ad una procedura di ventricolostomia endoscopica nel corso della quale il chirurgo perde il controllo dell'endoscopio, andando a perforare il pavimento cerebrale del cervello del bambino. Ciò determina emorragie e danni cerebrali. I genitori effettuano una richiesta di risarcimento, sostenendo l'imperizia del chirurgo.

Pensi che il danno subito da te o da un tuo parente sia stato causato da colpa medica?

Gli avvocati dello Studio legale GRD LEX, sono specializzati in lesioni causate da negligenza, imprudenza o imperizia del medico e quindi anche in casi danni cerebrali causati da errori chirurgici o da errori nella diagnosi e nel trattamento.

Il risarcimento può essere ottenuto solo in presenza dei presupposti sopra descritti. Un attenta analisi del caso da parte di medici legali esperti è, perciò, fondamentale.

Lo studio legale GRDLEX è sito in Roma e segue i propri clienti su tutto il territorio nazionale.

Per ottenere un inquadramento medico legale del tuo caso, contatta il nostro studio .

TOP
Consulenza Gratuita Ora