Polineuropatia demielinizzante da vaccino

Soffri di polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica a causa di un vaccino? Capisci se puoi ottenere indennizzo e risarcimento

La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica è una rara malattia autoimmune in cui il sistema immunitario determina una risposta infiammatoria che provoca danni ai nervi periferici. È simile alla sindrome di Guillain-Barre (GBS).

La malattia e i sintomi

La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) è una rara malattia autoimmune in cui il sistema immunitario determina una risposta infiammatoria che provoca danni ai nervi periferici. I nervi interessati includono i nervi sensoriali, motori e autonomi. I sintomi spesso si manifestano gradualmente e possono includere disturbi sensoriali alle estremità (mani, braccia, piedi e gambe), debolezza muscolare e perdita di riflessi.

La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica si può presentare come un singolo episodio prolungato, un disturbo ricorrente o una malattia progressiva.
La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) è simile alla sindrome di Guillain-Barre (GBS), che colpisce anche i nervi periferici, ma si distingue per l'insorgenza acuta dei sintomi e della natura monofasica.

 

Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica e vaccini

La polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica può essere attivata dal vaccino contro l'influenza o altre vaccinazioni.
Numerosi studi hanno tracciato una associazione tra polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica e vaccino contro l'influenza stagionale (vaccino antinfluenzale), la difterite, il tetano e la pertosse (DTaP), il vaccino contro l'epatite-B, e quellco contro il morbillo, parotite e rosolia (MMR).

 

Trattamento

I soggetti affetti da polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) possono essere trattati con immunoglobuline per via endovenosa (IVIG), plasmaferesi (PE) o trattamento steroideo. Molti pazienti possono avere un lungo recupero, sperimentare recidiva, progressione dei sintomi e rimanere affetti da sintomi residui permanenti, tra cui disturbi sensoriali delle estremità, dolore dei nervi e dei muscoli e grande debolezza.

 

 

TOP
Consulenza Gratuita Ora