Avvocato per incidente aereo

Tu o un tuo caro siete stati vittime di un incidente aereo
Hai bisogno di un avvocato?

L’aereo è considerato il mezzo di trasporto più sicuro. Tuttavia, nonostante le numerosissime misure di sicurezza vigenti negli aeroporti, esiste la possibilità che si verifichi un incidente. Nel caso di incidente è possibile avviare una causa legale per ottenere il risarcimento.

In questa pagina:

Incidenti, conseguenze e responsabilità

Rientrano nella categoria "incidenti aerei" anche quelli che interessano elicotteri e piccoli aerei di linea.

L’aereo è considerato il mezzo di trasporto più sicuro, ideale sia per un viaggio di lavoro che per una piacevole vacanza, grazie anche a costi generalmente contenuti. Tuttavia, nonostante le numerosissime misure di sicurezza vigenti negli aeroporti, esiste comunque la possibilità che si verifichi un incidente. Nessun mezzo di trasporto è, infatti, in grado di garantire la piena sicurezza. Quando si sceglie di intraprendere un viaggio, è necessario mettere in conto che nessuno potrà mai garantirci l’assenza totale di rischi.Statisticamente, le possibilità che si verifichi un incidente aere non sono molte. T uttavia nel caso in cui l’incidente aereo dovesse accadere, l’evento comporterebbe una serie di conseguenze a dir poco disastrose.

PASSEGGERI SUPERSTITI
Nel raro caso in cui, in seguito ad incidente aereo, dovessero esserci superstiti, questi ultimi si troverebbero a dover fare i conti con gravi conseguenze, come disordini da stress post traumatico che possono protrarsi per molto tempo. L’impatto che un evento di questo tipo ha sulla vita dei superstiti non è da sottovalutare, poiché esso potrebbe essere di natura fisica eo psicologica e interessare, non solo gli sfortunati viaggiatori, ma anche le loro famiglie. I familiari, infatti, dovrebbero affrontare la nuova condizione psico-fisica riportata dal proprio caro o addirittura il dolore derivante dalla perdita dello stesso. Su tutto ciò grava ulteriormente la situazione di profondo disagio economico in cui le famiglie sprofonderebbero a seguito dell’incidente. Il danno riportato dalla vittima (decesso, lesioni permanenti o disordini da stress post traumatico) potrebbero far venir meno il reddito da lui prodotto, con drastiche ricadute sul reddito familiare e quindi sul tenore di vita dei componenti la famiglia. In circostanze come quelle sopra descritte, avanzare una richiesta di risarcimento potrebbe costituire un valido supporto al fine di coprire la perdita di guadagno e le ingenti spese mediche necessarie a causa dell’incidente subito.

RESPONSABILITÀ
La responsabilità, nel caso di un incidente aereo, ricadrebbe su chi, per legge, è investito del compito di assicurare la sicurezza dei passeggeri del volo. L’avvocato deve inoltre essere in grado di provare la mancata attuazione delle misure di sicurezza necessarie.
La richiesta di risarcimento potrebbe essere quindi avanzata ai danni del pilota, della compagnia aerea, della compagnia che si occupa della manodopera, degli operatori dell’aeroporto, degli addetti al controllo del traffico aereo o altre parti potenzialmente responsabili.
Per ciò che concerne i voli internazionali, l’assunzione delle responsabilità è regolata da un trattato chiamato “Convenzione di Montreal”, sancito nel 1999. L’art. 21 della convenzione stabilisce che in ordine ai danni che non eccedano i 113.100 diritti speciali di prelievo per passeggero, il vettore non può escludere né limitare la propria responsabilità.
Quanto, invece, ai danni che eccedano i 113.100 diritti speciali di prelievo per passeggero, Il vettore non risponde qualora dimostri che:
a) il danno non è dovuto a negligenza, atto illecito o omissione propria o dei propri dipendenti o incaricati oppure che
b) il danno è dovuto esclusivamente a negligenza, atto illecito o omissione di terzi.
Per quanto riguarda invece i voli nazionali, ogni stato ha la propria legge da poter applicare, nel caso di incidenti aerei. Generalmente, vi sono degli standard fissi che gli stati seguono, ma le differenze sono comunque molte a seconda del posto in cui ci si trova. Un avvocato professionale e d’esperienza potrà spiegarti accuratamente come funziona la legge del tuo stato in merito a questo tipo di incidenti.

Azione legale: presupposti e tempi

Gli incidenti aerei sono delle vere e proprie catastrofi per i passeggeri del volo e per le loro famiglie. Le cause che possono portare ad incidenti di questo tipo sono molteplici: un errore da parte del pilota, un malfunzionamento meccanico, una collisione con uccelli in volo e altre complicazioni. Se il tragico evento si fosse verificato a causa della mancata attuazione delle dovute misure di sicurezza, le vittime o le loro famiglie sarebbero idonee ad avanzare una richiesta di risarcimento.
Una causa legale a seguito di un incidente aereo può essere avviata da chiunque sia stato vittima del suddetto avvenimento. Nel caso in cui l’incidente avesse causato la morte di uno o più passeggeri, i coniugi o i figli delle vittime sarebbero in possesso tutti i requisiti necessari per richiedere un risarcimento. Se la vittima dell’incidente mortale non dovesse avere ne coniuge ne figli, uno dei parenti del passeggero sarebbe autorizzato ad avanzare la richiesta di risarcimento.

QUANDO È POSSIBILE CHIEDERE IL RISARCIMENTO
Le motivazioni per cui è possibile richiedere un risarcimento sono:
Dolore
Danni emotivi

Spese mediche (passate e future)
Danni permanenti
Disabilità
Perdita del salario o del posto di lavoro
Disagi all’interno del rapporto coniugale
Morte ingiustificata di una persona cara
Danni punitivi
Altro

TEMPISTICHE
Il periodo di tempo entro il quale è possibile intentare una causa legale, prima che venga dichiarato l’istituto di “prescrizione”, varia a seconda dello stato in cui vivi e del paese di appartenenza della compagnia aerea. Alcuni stati concedono da uno a sei mesi di tempo, tuttavia, nel caso in cui il volo coinvolto fosse internazionale, sarebbe possibile avviare la causa legale entro due anni dall’incidente, secondo quanto riportato dalla Convenzione di Montreal.

INCIDENTI ALL'ESTERO
Nel caso di incidenti aerei verificatisi all’estero, i passeggeri danneggiati o i loro famigliari con residenza in Italia possono, in genere, ottenere il risarcimento del danno in Italia, senza dover instaurare una causa all’estero.

Quali sono i danni per morte del parente o convivente

1) IL DANNO DELLA VITTIMA TRASFERIBILE AGLI EREDI

Tale tipo di danno consiste nella sofferenza psichica patita dalla vittima (c.d. danno tanatologico). E' risarcibile se la vittima, come può accadere in un incidente aereo, era in grado di percepire il proprio stato, lucidamente assistendo allo spegnersi della propria vita.

2) I DANNI SUBITI DIRETTAMENTE DAGLI EREDI (risarcibili non solo ai parenti della vittima, ma anche, secondo la giurisprudenza più recente (2012), al convivente more uxorio)

2.1) Il danno biologico. Si tratta dello stato di alterazione psicofisica del richiedente determinato dalla morte della vittima.

2.2) Il danno morale da perdita del parente. Può assumere, in linea generale, una duplice connotazione: una soggettiva, un'altra oggettiva. La prima attiene a tutte le conseguenze soggettive che derivano al danneggiato dalla privazione del vincolo parentale inciso. Si ha riguardo, sotto tale profilo, al dispiacere, allo strazio, all'angoscia, insomma a tutti gli sconvolgimenti dell'animo che è costretto a vivere il soggetto che abbia subito la perdita.

Tali sofferenze, peraltro, non vanno più limitate - oggi - solo a quelle provate dall'interessato al momento del fatto (vecchio danno morale soggettivo "transeunte"), ben potendo ricomprendere i patimenti soggettivi dell'individuo capaci di durare nel tempo e protrarsi negli anni a decorrere dal fatto illecito (nuova configurazione del danno morale da sofferenza, SS.UU.).
La seconda dimensione del danno riguarda i riflessi oggettivi della lesione da perdita del congiunto. Rilevano in tal caso tutte le compromissioni e gli effetti negativi che l'individuo subisce nell'ambito della sua sfera familiare, dotati di un loro autonomo disvalore a prescindere dalla sofferenza soggettiva cagionata alla sfera interiore.Il danno economico dei parenti. Si può scomporre in danno emergente, consistente in spese causate dal decesso del parente (spese funerarie ecc.) e danno c.d. da lucro cessante, consistente o nella diminuzione di contributi o sovvenzioni, oppure nella perdita di utilità che, per legge o per solidarietà familiare, sarebbero state conferite dal soggetto scomparso.

Come si calcola il risarcimento per morte del parente o convivente

Il danno subito dai parenti/conviventi a causa del decesso della vittima dell'incidente aereo si quantifica attraverso apposite tabelle in uso nei tribunali. Tali tabelle si basano su alcune circostanze per determinare quale siano le conseguenze sul piano affettivo della morte del parente. Tali circostanze sono:

  • l’età della vittima (minore è l’età, maggiore è il danno)
  • l’età del parente superstite (minore è l’età, maggiore è il danno)
  • il grado di parentela (più stretto è il legame di parentela, maggiore è il danno)
  • l’eventuale convivenza (in caso di convivenza con la vittima il danno è maggiore)
  • la presenza di familiari conviventi (in caso il parente non abbia familiari conviventi e quindi rimanga completamente solo, il danno è maggiore).

Cosa fare dopo un incidente aereo

Ecco alcune cose fondamentali da fare dopo un incidente aereo:

cercare il più presto possibile l’assistenza di legali specializzati in materia;
non compilare alcun modulo inviato dalla compagnia aerea o dalla sua assicurazione dopo l’incidente;
far gestire i rapporti con la compagnia aerea o con la sua assicurazione dai propri legali;
consultare un avvocato esperto in materia prima di accettare qualunque offerta monetaria proposta dalla compagnia aerea o dalla sua assicurazione;

se si è residenti in Italia e il sinistro aereo è accaduto all’estero, non affidare la tutela dei propri diritti ad avvocati stranieri che, molto probabilmente, cercheranno di contattarvi direttamente o tramite associazioni di vittime;
se si decide di iscriversi ad associazioni o comitati di vittime, formatisi in occasione dell’incidente aereo avvenuto all’estero, controllare bene che l’iscrizione non comporti l’affidamento di incarichi professionali a legali: quando si fa parte di un grande gruppo di vittime, gestite da avvocati stranieri, si rischia che i risarcimenti non siano “personalizzati”.

Consulenza legale per incidente aereo

Lo studio Legale Gallo & Parners - GRDLex assiste in tutta Italia ed all'estero le vittime di gravi incidenti ed i loro parenti. Lo studio si occupa prevalentemente del risarcimento di gravissime invalidità, come danni cerebrali e/o alla colonna vertebrale e di danni da morte.

Per una consulenza gratuita contatta GRDLEX con una delle seguenti modalità:

TOP
Consulenza Gratuita Ora