Infortunio alla testa sul lavoro

Hai subito un danno alla testa mentre eri sul posto di lavoro?
Hai bisogno di un avvocato?

Le lesioni alla testa durante incidenti sul lavoro possono verificarsi per molte ragioni e possono avere conseguenze irreversibili sulla vita di chi le subisce e su quella dei familiari. Gli avvocati di GRDLEX possono assisterti nella richiesta di risarcimento del danno

Cause, danni e responsabilità

Il datore di lavoro ha la responsabilità di proteggere i propri dipendenti dal rischio che si verifichino infortuni durante il lavoro

Il problema principale legato all’infortunio alla testa consiste nella possibilità di aver riportato un danno celebrale. Infortuni così gravi possono avere effetti pemanenti. In conseguenza di danni gravi al cervello la vittima potrebbe riportare forme di paresi importanti ed essere ridotta ad uno stato vegetativo.
Un problema caratteristico di tale tipo di infortunio consiste nel fatto che è spesso difficile rilevare eventuali danni al cervello. Vi sono alcuni campanelli d’allarme, come ad esempio difficoltà nel trovare la concentrazione e repentini cambi d’umore, ma a volte l’infortunato fatica a collegare tali sintoni ad un danno celebrale.
Per poter diagnosticare eventuali danni al cervello è necessario ricorrere a precisi esami come la risonanza magnetica o la tomografia assiale computerizzata (TAC).
Non tutti gli infortuni alla testa comportano necessariamente un danno celebrale. Si può subire, ad esempio, una frattura della scatola cranica la quale interessi solo lo strato osseo e non il cervello.

CAUSE
La causa di un incidente di questo tipo può consistere in una caduta da un’altezza elevata, in seguito, ad esempio, allo scivolamento da una scala, da un’impalcatura o da un tetto, oppure dalla collisione con un oggetto in caduta dall’alto.

RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO
Il datore di lavoro ha la responsabilità di tutelare i propri dipendenti dal rischio di incidenti durante lo svolgimento dell’attività lavorativa.
Inoltre, il datore ha l’obbligo di divulgare una serie di misure volte a regolamentare la sicurezza all’interno dell’ambiente lavorativo e di assicurare che i lavoratori indossino un abbigliamento protettivo durante lo svolgimento del proprio lavoro.
Nel caso in cui tali accorgimenti non venissero messi in atto, il rischio di un infortunio alla testa aumenterebbe e i datori di lavoro potrebbero incorrere in una richiesta di risarcimento da parte del dipendente infortunato.

Conseguenze e risarcimento

Nel caso in cui ci si rendesse conto di essere vittima di un infortunio di questo tipo causato da una negligenza o da un comportamento superficiale del proprio datore di lavoro, sarebbe possibile procedere con una richiesta di risarcimento per i danni subiti.

Gli effetti dell’infortunio alla testa possono comportare delle gravi conseguenze. Riportare dei danni celebrali è un’esperienza che cambia radicalmente la vita del lavoratore infortunato e di tutti i suoi familiari, che dovranno fare i conti con la nuova condizione di disagio in cui si trova un loro caro. Nel caso in cui il danno subito avesse interessato la parte del cervello addetta al controllo delle funzioni cognitive, si verificherebbero gravi conseguenze sulla capacità del lavoratore di ragionare, di prendere decisioni e di concentrarsi. Questo significa che il dipendente leso probabilmente non sarà più in grado di svolgere regolarmente il suo lavoro, dovendo così cercarne un altro o abbandonare totalmente ogni tipo di attività lavorativa. Una condizione di questo tipo costringe le persone interessate a doversi confrontare con dolore e momenti di sconforto, oltra ad una lunga serie di altri sintomi fisici e psichici che influiscono negativamente sulla qualità della vita.

Le famiglie del lavoratore infortunato, inoltre, vengono sottoposte ad un forte stress a causa della nuova condizione del proprio congiunto, a cui non è facile riuscire ad adattarsi.
I dipendenti che avessero riportato un infortunio alla testa potrebbero aver bisogno dell’assistenza da parte di un’infermiera ventiquattro ore al giorno oltre che di medicinali, di particolari cure ospedaliere e di altri servizi specializzati particolarmente costosi.
Quest’ultima eventualità insieme a quella di una perdita di guadagno dovuta alla nuova condizione del lavoratore può far cadere l’intera famiglia in uno stato di grande disagio economico.
In questi delicati casi la richiesta di risarcimento può costituire un valido aiuto sia nella copertura delle spese mediche sia nel cammino che i dipendenti infortunati e le loro famiglie dovranno percorrere per ricostruire una vita migliore.

TOP
Consulenza Gratuita Ora