Infortunio alla schiena sul lavoro

Hai subito un danno alla schiena mentre eri sul posto di lavoro?
Hai bisogno di un avvocato?

La schiena è una parte del nostro corpo particolarmente vulnerabile al rischio di infortuni. I danni alla schiena tendono a diventare cronici o, nei casi più gravi, permanenti.

Cause e responsabilità

Il datore di lavoro ha la responsabilità di proteggere i propri dipendenti dal rischio che si verifichino infortuni durante il lavoro

La schiena è una parte del nostro corpo particolarmente vulnerabile al rischio di infortuni. Molto spesso i dolori che interessano la schiena sono associati alla particolare attività lavorativa svolta. La schiena ci permette di eseguire una vasta gamma di movimenti, come flessioni del busto e rotazioni, senza la minima difficoltà. Tuttavia, ripetere tutti i giorni in maniera eccessiva tali movimenti può causare danni a lungo termine. La lunga durata è una delle fondamentali caratteristiche di questo infortunio. I danni alla schiena tendono a divenire cronici o, nei casi più gravi, permanenti. L'infortunio alla schiena è particolarmente frequente in ambienti lavorativi come fabbriche, depositi e altri ambienti del settore industriale, dove il dipendente è soggetto ad enormi sforzi fisici. Tuttavia anche luoghi di lavoro molto diversi, come un ufficio, non sono esenti da tali rischi. Esistono molte cause e azioni che possono arrecare danni alla schiena, ma le più comuni di infortunio alla schiena sono: inciampare, scivolare, flettersi ripetutamente per sollevare oggetti molto pesanti, svolgere il proprio lavoro senza le necessarie capacità e conoscenze, essere colpiti da un oggetto che cade.

Il lavoro manuale, in particolare, sembra essere strettamente legato a questo tipo di infortuni e quindi anche spesso associato a richieste di risarcimento per i danni subiti.
I danni alla schiena possono essere di varie entità: alcune persone possono subire un infortunio relativamente leggero, mentre altre di gran lunga più serio, tanto da portare alla paralisi (quadriplegia, tetraplegia, paraparesi, diplegia).

RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO
Il datore di lavoro ha la responsabilità di tutelare i propri dipendenti dal rischio di un infortunio. A questo fine, è necessario che vengano attuate le misure necessarie per salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori, garantendo sempre maggiore protezione. Nel caso in cui tali misure non venissero attuate nella maniera corretta, il rischio di infortuni aumenterebbe e, in caso di incidente, il lavoratore potrebbe chiedere il risarcimento per i danni causati.

Conseguenze e risarcimento

Nel caso in cui un dipendente avesse subito un infortunio alla schiena sul luogo di lavoro, dovuto alla negligenza di un’altra persona o del datore di lavoro, allora sarebbe possibile procedere con una richiesta di risarcimento.

Gli infortuni alla schiena sono molto comuni e spesso, soprattutto nella fase iniziale, non vengano considerati con la dovuta serietà. Sentiamo spesso molte persone lamentarsi di avere una schiena poco forte e dolorante. Tuttavia tale condizione viene spesso banalizzata. Danni che possono portare ad una disabilità permanente non sono da sottovalutare, poiché i loro effetti sulla vita del lavoratore possono essere devastanti. Ci si potrebbe ritrovare nelle condizioni di dover abbandonare il lavoro e porre degli importanti limiti sul bilancio finanziario delle proprie famiglie. Il dolore alla schiena e le conseguenti limitazioni funzionali, spesso estese agli arti inferiori o superiori, sono accompagnati da un forte stress

psicologico, in particolare nel caso in cui l’infortunio sia talmente grave da portare ad una permanente condizione di disabilità. Inoltre, le famiglie dei dipendenti non dovrebbero solo fare i conti con le conseguenze economiche dell'infortunio, ma dovrebbero anche adattarsi alla nuova condizione del familiare. Un infortunio come quello alla schiena richiede delle particolari e, spesso, costose cure mediche, aggiungendo ulteriori ansie e stress ad una situazione già di per sé difficile. In questi casi, la richiesta di risarcimento può aiutarvi a pagare cure mediche e trattamenti specifici molto costosi, pur non potendo purtroppo cancellare i danni subiti dallo sfortunato dipendente.

 

 

TOP
Consulenza Gratuita Ora