Avvocato Infortuni sul Lavoro

Capisci come e da chi ottenere un risarcimento
maggiore rispetto a quello INAIL

Lo Studio GRDLEX è specializzato nell'assistenza alle vittime di infortuni sul lavoro. I nostri avvocati specializzati in infortuni sul lavoro, con l'ausilio di medici specialisti e medici legali, ti diranno se sia possibile ottenere il risarcimento e ti assisteranno nella procedura per ottenerlo.

Cause e responsabilità

Gli infortuni sul lavoro, purtroppo, sono piuttosto frequenti e possono verificarsi in qualsiasi luogo, tanto ufficio quanto in cantiere. Ogni tipologia di lavoro è associata a determinati rischi che causare seri danni ai dipendenti. I motivi sono vari: negligenza di un collega, cadute, sollevamento di materiali pesanti,  incidenti con macchinari, violenze, attrezzatura inadeguata, violazione delle norme sulla sicurezza e la salute s
In ogni caso, il datore di lavoro è tenuto a salvaguardare i propri dipendenti ogni rischio insito nell'attività da loro svolta.

OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO
In Italia è prevista un'apposita normativa finalizzata a proteggere i lavoratori sul posto di lavoro e ridurre il rischio di incidenti e lesioni. Il datore di lavoro, per legge, è obbligato a vigilare e a predisporre tutte le misure di sicurezza necessarie a garantire un ambiente di lavoro sicuro e a proteggere i propri dipendenti contro i rischi di incidenti e malattie. Qualora il datore non rispetti le leggi sulla sicurezza sul lavoro, il lavoratore, in caso di incidente, può aver diritto al risarcimento completo dei danni subiti

INAIL

Copertura assicurativa e limiti

L’infortunio sul lavoro è coperto dall’assicurazione obbligatoria che prevede un risarcimento in caso di incidente violento, dal quale derivi la morte e l’inabilità permanente o assoluta del lavoratore.
Il risarcimento per infortunio sul lavoro è pagato dall’INAIL, dal 5° giorno in poi e per tutto il periodo di assenza dal lavoro. Prevede due percentuali di retribuzione:

  1. 60% della retribuzione fino al 90° giorno;
  2. 75% della retribuzione dal 91°giorno e fino alla completa guarigione del lavoratore infortunato.

Il lavoratore infortunato, inoltre, entro 10 anni dall’incidente sul lavoro può presentare domanda di aggravamento del danno biologico.
L'INAIL, però, non risarcisce in modo completo l'infortunio subito dal lavoratore: liquida solo il danno fisico dal 6% di invalidità in poi. Solo quindi esclusi tutti i danni correlati al danno fisico (danno da perdita di capacità lavorativa, danno morale, danno da spese mediche ecc.) e il danno fisico inferiore al 6% di invalidità.
Il lavoratore ha comunque diritto a ottenere dal datore il risarcimento completo dei danni subiti e, cioè, il danno differenziale fisico e i danni correlati.

Luoghi

Non escludere la probabilità di un incidente, anche se il lavoro si svolge in un ambiente apparentemente privo di rischi.

Un incidente sul lavoro può avvenire in molti luoghi, tra cui:
Fabbrica o magazzino, dove gli incidenti più diffusi includono quelli dovuti a macchinari difettosi o ad una inadeguata formazione ad utilizzare macchinari.
Ufficio, in cui i tipi più comuni di incidente includono quelli causati da scivolamenti, urti e cadute a causa di attrezzature pericolose o di mancanza di pulizia.
Ristorante o negozio, in cui incidenti possono verificarsi a causa di cadute o urti dovuti a una scarsa manutenzione del luogo di lavoro.
Incidenti automobilistici sul lavoro (se la guida è parte del lavoro). L'azienda datrice di lavoro deve provvedere alla manutenzione dei veicoli aziendali e deve predisporre misure volte a minimizzare rischi di incidenti sul lavoro.

CANTIERE vs UFFICIO
Molte richieste di risarcimento riguardano danni subiti da lavoratori del settore dell'industria, come operai di fabbrica o operai di cantiere. Tuttavia anche l'ufficio presenta una serie di potenziali pericoli che potrebbero causare, a lungo termine, lesioni o malattie. Sia l'uso del computer che quello del telefono senza fili, per esempio esempio, possono comportare danni al lavoratore.

Uso del computer
L
'uso del computer nei lavori d'ufficio è ormai da tempo diventato la norma. Tale uso, tuttavia, è associato ad una serie di rischi. Si è rilevato che l'esecuzione, per un lungo periodo di tempo, di operazioni ripetitive, come la digitazione sulla tastiera o il guardare il monitor, possono causare problemi di salute come lesioni da sforzo ripetitivo (RSI). La serie di movimenti ripetitivi posti in essere per lungo tempo mette a dura prova la parte del corpo interessata dai movimenti stessi e può causare lesioni croniche o malattia.

Uso prolungato di telefono cordless
La letteratura medica, da molto tempo, ha evidenziato che un uso giornaliero di telefono senza fili protratto per un arco temporale di anni è associato a tumore al cervello. Recentemente, la Corte di Cassazione ha stabilito il diritto al risarcimento dei familiari di un manager d'azienda che dopo aver lavorato per anni utilizzando il telefono cord-less per circa 4 ore al giorno era deceduto dopo aver contratto un tumore al cervello.

Tipi di danno

Ecco un elenco degli incidenti sul lavoro più diffusi:
asbestosi dovuta a inalazione di particelle di amianto
artrite
danni alla schiena
fratture
ustioni e scottature
borsite
sindrome del tunnel carpale
danni da macchinari da lavoro difettosi
cadute in cantiere
fatica
danni alla testa
sordità
danni da caduta di oggetti
danni da formazione inadeguata o inadeguate protezioni
danni da incidenti industriali

danni da sollevamento di oggetti
danni al collo
asma occupazionale
danni da sforzo ripetitivo
silicosi
danni cutanei
danni da scivolamenti e cadute
danni ai tessuti molli
danni al midollo spinale
danni ai tendini
tinnito
sindrome da vibrazione mano-braccia
danni da attività di saldatura
amputazione
danni a schiena, collo e spalla
danni alla gamba, ginocchio e caviglia
trauma cranico e altre lesioni alla testa
tunnel carpale
danni alla vista

Gli effetti del danno

Non sottovalutare l'impatto che un incidente sul lavoro ha sulla vittima diretta e sulla sua famiglia

Un grave incidente sul luogo di lavoro può comportare lesioni a lungo termine o disabilità che cambia definitivamente la vita.
Il danno subito può determinare la necessità di assentarsi dal lavoro, spesso per lunghi periodi. Ciò si traduce in perdita di reddito, diminuzione di versamenti pensionistici e conseguente diminuzione del trattamento pensionistico, instabilità finanziaria. Tale calo del reddito influisce sullo standard di vita della vostra famiglia e, a volte, può determinare vere e proprie difficoltà finanziarie.

La probabilità che si verifichi tale ultima ipotesi è maggiore se si debba rinunciare al lavoro o se si venga licenziati per giusta causa in seguito al superamento del periodo di comporto. La lesione o la malattia occorse al lavoratore potrebbero comportare spese aggiuntive per trattamenti e terapie come interventi chirurgici, fisioterapia, farmaci ecc.
Il risarcimento, pertanto, dovrà avere ad oggetto non solo le sofferenze e lo stravolgimento della vita del danneggiato, ma anche tutte le perdite di reddito e spese sostenute e da sostenere.

Il risarcimento

Alcune persone non chiedono il risarcimento perché temono l'impatto finanziario della richiesta sul datore di lavoro.In realtà il danno biologico del lavoratore rientra nel sistema assicurativo-previdenziale INAIL

I lavoratori posso chiedere il risarcimento per:
Aggravamento delle condizioni preesistenti
Lesioni e danni riscontrati nel luogo di lavoro o durante lo svolgimento delle direttive impartite dal datore di lavoro.
Lesioni causate dagli strumenti impiegati nell’attività, come l’attrezzatura meccanica. I casi più seri includono danni gravi causati dall’esposizione a benzene, amianto o polvere di silice.
L’esposizione a sostanze come benzina o materiali chimici può determinare sfoghi cutanei e, nei casi estremi, il mesiotelioma.
Il risarcimento ai lavoratori normalmente non copre le lesioni risultanti da giochi pericolosi al lavoro o lesioni procuratesi mentre si era in stato confusionale.

Al contrario, è previsto un risarcimento per per chi subisce lesioni nel tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione ed il luogo di lavoro (infortunio in itinere). Alcune persone scelgono di non chiedere un risarcimento perché preoccupate per l'impatto finanziario che la richiesta potrebbe avere sul loro datore di lavoro.  È importante ricordare che il danno biologico del lavoratore è oggi inserito nel sistema assicurativo-previdenziale INAIL. Per quanto riguarda l'eventuale differenza fra la somma corrisposta dall'INAIL a titolo di indennizzo e la somma che sarebbe spettata al lavoratore ove fossero state applicate le usuali tabelle di liquidazione del danno biologico (danno differenziale), normalmente il datore ha una propria assicurazione.

TOP
Consulenza Gratuita Ora