Iniencefalia

Assistenza legale e medico legale per malformazioni congenite
causata da farmaci prescritti o non interrotti in gravidanza

Gli avvocati di GRDLEX possono assistere, su tutto il territorio nazionale ed all'estero, le famiglie di bambini nati affetti da Iniencefalia in seguito alla prescrizione o alla mancata interruzione di farmaci teratogeni durante la gravidanza o in età fertile.

 Per sapere se puoi ottenere il risarcimento dei danni, ottieni una consulenza gratuita contattandoci al 06-90281097 o a info@gredlex.com

Anche se i farmaci da prescrizione possono offrire enormi benefici ai pazienti, possono anche presentare rischi significativi per i bambini non ancora nati se assunti dalle loro mamme durante la gravidanza. Una delle gravi malformazioni alla nascita che è stata collegata all'uso materno di farmaci da prescrizione è l'iniencefalia, una rara anomalia congenita che deriva da una malformazione del tubo neurale. Quando il tubo neurale di un bambino non si forma correttamente, i risultati possono essere catastrofici.

Per maggiori info contattaci al 06-90281097 o a info@grdlex.com

Quali farmaci sono stati collegati all'iniencefalia?

Mentre la causa esatta dell'iniencefalia è attualmente sconosciuta, è stato spesso dimostrato che le madri di bambini nati con questa grave condizione hanno assunto farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) durante le prime fasi della gravidanza. È in corso una ricerca per identificare se ci sono ulteriori fattori come problemi nutrizionali, ambientali e genetici che svolgono un ruolo nello sviluppo dell'iniencefalia nel feto. I seguenti antidepressivi SSRI possono svolgere un ruolo nello sviluppo di questo difetto congenito alla nascita:

  • Paxil (paroxetina)
  • Zoloft (sertralina)
  • Citalopram
  • Prozac (fluoxetina)
  • Escitalopram
  • Bupropione
  • Efexor (venlafaxina)

Oltre a questi antidepressivi, i seguenti farmaci per l'epilessia sono stati associati all'iniencefalia nei bambini nati da madri che hanno ne hanno fatto uso durante la gravidanza:

  • Depakin
  • Acido valproico
  • Valproato di sodio

Iniencefalia: panoramica

Il tubo neurale rappresenta il fondamento del sistema nervoso centrale dell'embrione (SNC), che inizia a svilupparsi solo poche settimane dopo il concepimento. Normalmente, il tubo neurale si fonde insieme nella prima fase della gestazione e lo sviluppo del midollo spinale e del cervello si ha entro la settimana 25. Tuttavia, se c'è un problema relativo allo sviluppo fetale durante questo periodo, può verificarsi un difetto congenito del tubo neurale. Questo tipo di anomalia congenita ha diverse categorie a seconda della gravità, del tipo e della posizione del difetto. Una delle più gravi manifestazioni dei difetti del tubo neurale è una condizione nota come iniencefalia.
Secondo National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINDS), l'iniencefalia è un grave difetto congenito alla nascita causato dalla chiusura impropria del tubo neurale durante il primo trimestre di gravidanza. Il difetto si traduce in una grave flessione all'indietro (retroflessione) della testa associata a una grave distorsione della colonna vertebrale. Il collo è tipicamente assente e la pelle del viso è direttamente collegata alla pelle del torace, mentre il cuoio capelluto è direttamente collegato alla pelle della schiena. Inoltre, il feto risulta avere una postura estesa di tipo "stargazer" fisso. Altre caratteristiche possono includere:

  • lordosi cervico-toracica grave
  • vertebre cervicali carenti (corte) o fuse
  • deficit variabile nell'osso occipitale
  • a causa della posizione della testa, la lunghezza della corona fetale può essere inferiore a quella prevista per l'età gestazionale
  • può verificarsi polidramnios concomitante

L'iniencefalia fa parte stessa classe di difetti del tubo neurale a cui appartiene la spina bifida, ma è molto più grave. La stragrande maggioranza dei bambini nati con iniencefalia hanno difetti alla nascita aggiuntivi, come ad esempio:

  • anencefalia (in cui sezioni principali del cervello non riescono a formarsi)
  • cefalocele (in cui parte del contenuto craniale sporge dal cranio)
  • ciclopia (in cui le due cavità degli occhi si fondono in una sola)
  • mancanza di un osso mascellare inferiore
  • labbro leporino / palatoschisi
  • disturbi cardiovascolari
  • ernia diaframmatica
  • malformazioni gastrointestinali

La prognosi in caso di iniencefalia

La prognosi per i bambini nati con iniencefalia è estremamente scarsa. L'iniencefalia è quasi sempre fatale: la stragrande maggioranza dei bambini nati affetti da tale condizione muore poco dopo la nascita. Le malformazioni del corpo del bambino possono anche rappresentare un pericolo per la vita della madre durante il parto. Tuttavia, di solito non vi è un aumento del rischio di recidiva nelle future gravidanze.
Ai genitori di bambini nati con iniencefalia deve essere fornito un adeguato supporto psicologico e un consiglio sul rischio di recidiva, la necessità di supplementazione di acido folico e una prima ecografia a 11 settimane durante la prossima gravidanza, per prevenire qualsiasi ritardo nella diagnosi di tali difetti congeniti nel futuro.
Avere un bambino nato affetto da iniencefalia è un'esperienza devastante e traumatizzante per tutte le parti coinvolte. I costi medici ed emotivi associati alla condizione possono essere importantissimi. La richiesta di risarcimento per iniencefalia può aiutare le famiglie a far fronte agli effetti collaterali negativi causati da pericolosi farmaci antidepressivi. Se voi o una persona cara avete assunto antidepressivi SSRI durante la gravidanza e avete dato alla luce un bambino con iniencefalia, un avvocato con esperienza in difetti congeniti può fornirvi informazioni utili su risarcimento e opzioni legali.

C'è un limite di tempo per presentare una richiesta di danni per iniencefalia?

Anche se incoraggiamo tutti i nostri potenziali clienti a prestare molta attenzione nella scelta del loro avvocato per danni da farmaco, è importante capire che il tempo è essenziale. Il termine di prescrizione è di dieci anni dalla diagnosi del difetto congenito. Trascorso tale periodo non si ha più il diritto all'eventuale risarcimento e non è più possibile esercitare la relativa azione legale. Inoltre, non siamo in grado di fornirti consulenza legale senza prima valutare il tuo caso. Di conseguenza, si prega di prendere il tempo ora di contattarci utilizzando il modulo di contatto e-mail riservato qui sotto o chiamandoci

Consulenza Legale Gratuita

Se tu o un tuo caro siete i genitori di bambini nati affetti da iniencefalia in seguito alla prescrizione o alla mancata interruzione di farmaci teratogeni durante la gravidanza o alla mancata informazione circa i rischi nei confronti di donne in età fertile o in gravidanza, i nostri avvocati con esperienza in malasanità farmaceutica possono aiutarti a capire come ottenere giustizia ed assisterti nell'azione legale contro il sanitario e/o la struttura sanitaria o la casa farmaceutica.

 Per una consulenza gratuita contatta GRDLEX con una delle seguenti modalità:

 

TOP
Consulenza Gratuita Ora