Danni al lobo frontale del cervello

Assistenza legale e medico legale per risarcimento
in tutta Italia

Chi subisce una lesione al lobo frontale possiede ancora una memoria relativamente intatta, l’abilità di fare calcoli e di comprendere ciò che legge ma perde il pieno controllo di tali funzioni.

I lobi frontali del cervello

I lobi frontali del cervello sono localizzati nella zona inclusa tra fronte e tempie e provvedono alla connessione di tutte le altre funzioni cerebrali. Essi ci permettono, inoltre, di migliorare la razionalità e, con essa, la pianificazione, il multitasking, la valutazione del rischio e la gestione delle interazioni umane sono tutte gestite dai lobi frontali.

A causa della loro localizzazione, i lobi frontali vengono spesso lesi negli incidenti traumatici. I lobi possono essere sospinti nella cresta ossea della parte anteriore del cranio, dando luogo a contusioni e lacerazioni. per la loro dimensione, i lobi frontali possono anche essere contorti e danneggiati in incidenti ad alta velocità.

La prima persona a essere studiata dopo una lesione al lobo frontale (causata dal perforamento del cranio con una verga di metallo a tre piedi) fu il minatore Phineas Gage. Gage riuscì a sopravvivere ed i medici che lo tenevano sotto osservazione riscontrarono che il lato istintivo della sua persona era andato fuori controllo. Da persona molto pacata, Phineas Gage si trasformò in una individuo chiassoso, violento e dedito al gioco d’azzardo. Per via di questo studio e centinaia di altri studi che lo hanno seguito, oggi è risaputo che gli aspetti comportamentali risiedono largamente nei lobi frontali. Pertanto, una lesione al lobo frontale, nel vero senso della parola, cambia un individuo dal suo “precedente io” ad una nuova personalità che, normalmente, ha caratteristiche peggiori di quella precedente.

I danni da lesione ai lobi frontali

Gli individui colpiti da lesione al lobo frontale sono generalmente affetti da:

› Disinibizione, ovvero mancanza della capacità di selezionare e di trattenersi dal dire ciò che è nella loro mente con ovvi conseguenti problemi lavorativi e nelle relazioni sociali. Le persone con alta disinibizione non riescono a conservare un lavoro e spesso neanche a rendere duraturo un matrimonio.

›  Incapacità di multitasking.  Il lobo frontale ci permette di stabilire la priorità degli obiettivi da conseguire, cosa che diventa estremamente difficoltosa in caso di lesione del lobo frontale.

› Difficoltà sociale. Il lobo frontale è la parte del cervello che decifra numerose difficoltà di

interazione con gli altri individui come indizi visivi, uditivi e posizionali. Senza decifrare l’esatta condizione emotiva della persona con la quale si parla, più facilmente emergeranno errori e problemi. Inoltre, i soggetti con lesioni al lobo frontale hanno una ridotta capacità di resistere all’attività criminale e tendono ad avere maggiori problemi con la giustizia. Il trauma cranico diminuirà anche la riserva cognitiva dell’individuo esponendolo più facilmente e precocemente alla demenza senile e all’Alzheimer.
Sappiamo che il lobo frontale umano non è pienamente sviluppato fino all’età di 21 o 22 anni ed è l‘ultima cosa a maturare. Quindi, molte persone affette da trauma cranico, sono descritte come più immature di quanto lo fossero prima dell’incidente.

TOP
Consulenza Gratuita Ora