Lesioni ai nervi cranici

Hai subito una lesione al nervo ottico o al trigemino per colpa altrui?
vuoi essere risarcito?

Spesso, in caso di lesioni traumatiche alla testa, vengono coinvolti i nervi cranici. A differenza delle lesioni ai nervi di altre parti del corpo, quelle ai nervi cranici possono comportare l'alterazione o la totale compromissone della funzione sensoriale.

I nervi cranici

I nervi cranici si diramano dalla base del cervello verso diverse parti della testa. In medicina sono indicati con un numero.

I. OLFATTIVO.
Sensorialità specifica: l'odore

II. OTTICO
Sensorialità specifica: la vista

III. OCULOMOTOR
Movimento somatico: movimento degli occhi e delle palpebre
Movimento viscerale: controllo parasimpatico del diametro pupillare

IV. TROCLEARE
Movimento Somatico: movimento degli occhi

V. TRIGEMINO
Sensorialità somatica: Sensazione tattile al volto
Movimento somatico: Movimento dei muscoli della masticazione

VI. ABDUCENTE
Movimento somatico: movimenti degli occhi

VII. FACCIALE
Sensorialità somatica: movimento dei muscoli dell'espressione facciale
Sensorialità specifica: il gusto nei due terzi anteriori della lingua

VIII. VESTIBOLARE UDITIVO
Sensorialità specifica: udito ed equilibrio

IX. GLOSSOFARINGEO
Movimento somatico: movimento dei muscoli della gola (orofaringe)
Movimento viscerale: controllo parasimpatico delle ghiandole salivari
Sensorialità specifica: il gusto nel terzo posteriore della lingua
Sensorialità viscerale: il riconoscimento di mutamenti della pressione sanguigna nell’aorta

X. VAGO
Movimento viscerale: il controllo parasimpatico del cuore, dei polmoni e degli organi addominali

XI. ACCESSORIO SPINALE< Movimento somatico: movimento dei muscoli della gola e del collo XII. IPOGLOSSO
Movimento somatico: movimento della lingua

Il nervo olfattivo

Uno tra i più colpiti

Il nervo olfattivo (nervo cranico I) , che controlla il senso dell'olfatto, è uno dei nervi cranici più comunemente lesionati . La lesione del nervo olfattivo può  compromettere anche il senso del gusto, che dipende principalmente dall’olfatto.

I problemi che ne derivano includono:
Dysnosmia, l'alterazione dell’olfatto
Anosmia, la completa perdita dell'olfatto
Parosmia, la falsa sensazione di odore
Co-osmia, la percezione di un cattivo odore che non esiste

Il nervo ottico

Circa il 5% dei pazienti con trauma cranico subisce lesioni del nervo ottico

Il nervo ottico (nervo cranico II) svolge un ruolo fondamentale nella vista umana. La lesione al nervo ottico può far sì che la pupilla perda la propria reattività alla luce, l'acuità visiva, nonché influenzare il campo visivo.

È necessario condurre esami al fine di distinguere tra effetti dannosi al nervo ottico e danni alle aree del sistema visivo non ricunducibili a lesioni neurologiche.

Lesioni e recupero

Il nervo cranco, come il cervello, può recuperare da una lesione traumatica

Generalmente i nervi cranici non sono feriti in occasione di trauma cranico lieve.
Tuttavia, è documentato che il nervo cranico può essere lesionato in occasione di un lieve trauma cranico.

Il nervo cranico può rimanere stirato o contuso.  La funzione può essere recuperata nel lungo termine, fino a un anno dopo il trauma. Durante questo periodo si possono verificare affaticamento o formicolio sporadico. Entrambe le circostanze, sebbene fonti di disagio, denotano segnali di ripresa del nervo.

TOP
Consulenza Gratuita Ora