Un esempio di malasanità a seguito di trauma da incidente

Quando una persona subisce una lesione a causa di un qualche tipo di trauma, come un incidente d'auto o una caduta, l'ultima cosa che immagina è che le sue ferite possano essere aggravate da errori medici. In tali casi, pazienti e familiari tendono ad attribuire l'aggravamento del paziente - lesioni gravi o morte - al trauma iniziale piuttosto che ad una successiva negligenza o imperizia medica - e (per ovvi motivi) è questa la versione che spesso viene raccontata dai medici ai familiari.

Di seguito verranno fatte delle riflessioni su un caso tipo di malasanità successiva a trauma:

Un uomo è coinvolto in un incidente automobilistico e portato in un pronto soccorso. La prima regola che il PS deve seguire è quella di diagnosticare e trattare le condizioni più gravi e immediate prima di passare a trattare condizioni meno gravi. Di conseguenza, se un uomo si presenta all'ospedale con le arterie recise con un un'emorragia gravissima, ai medici viene insegnato di stabilizzare l'emorragia prima di passare alla diagnosi o al trattamento di una lesione meno grave, come un possibile strappo del menisco nel ginocchio del paziente.

Le arterie recise sono una condizione pericolosa per la vita che probabilmente richiede un intervento chirurgico d'urgenza. Pertanto, la decisione di un medico di ordinare una scansione TAC del ginocchio del paziente senza controllare l'emorragia arteriosa pone il paziente a rischio di ulteriori danni perché il paziente è già sull'orlo di un arresto cardiaco. È probabile che il paziente perda più sangue in attesa e durante la TAC del ginocchio, causando segni vitali instabili (pressione sanguigna, battito cardiaco, ecc.).

La perdita massiva di sangue causa l'impossibilità di irrorare adeguatamente i tessuti del cuore. Quando il sangue non circola in tutto il corpo, trasportando ossigeno, i tessuti muoiono. Ad esempio, dopo sei minuti senza sangue ossigenato, le cellule nervose iniziano a morire.

Se non viene controllata l'emorragia, il paziente può continuare a perdere sangue e subire un arresto cardiaco mentre si trova nello macchinario per la TAC, causando danni irreversibili dovuti alla mancanza di ossigeno, come paralisi o morte. Lo standard di cura del medico ragionevolmente attento in tali circostanze dovrebbe essere quello di stabilizzare l'emorragia prima di inviare il paziente alla TAC. Quando si prende cura di un paziente con una lesione traumatica due regole fondamentali da rispettare sono: 1) il paziente instabile, se il sanguinamento non può essere stabilizzato, deve essere inviato in sala operatoria; 2) il paziente instabile non deve mai essere inviato ad effettuare la TAC.

Aecondo le linee guida ATLS (Advanced Trauma Life Support), la modalità raccomandata di imaging in una vittima da trauma instabile è l'esame ecografico portatile per lesioni al bacino, all'addome o al pericardio. Altre lesioni che causano una rapida perdita di sangue sono spesso visibili, come nel caso di frattura aperta con lacerazione arteriosa.

Se è in corso un ovvio dissanguamento, il primo compito nello stabilizzare il paziente è fermare l'emorragia. Il paziente con sanguinamento interno che causa instabilità emodinamica, come la pressione del sangue pericolosamente bassa, deve essere portato in sala operatoria senza ulteriori esami per individuare la posizione dell'emorragia. Nel caso di una frattura aperta di un arto, il sito della perdita di sangue può essere evidente. Le fratture del femore sono spesso causa di rapida emorragia.

Ci sono vari modi per fermare un sanguinamento grave in caso di emergenza. Il sanguinamento arterioso si traduce in schizzi di sangue rosso vivo, poiché il sangue nelle arterie trasporta ossigeno in tutto il corpo. La pressione diretta aiuta a fermare alcune emorragie arteriose. Ciò causa costrizione arteriosa. Praticare una pressione sull'arteria maggiore che alimenta l'arteria sanguinante può essere efficace, e in caso di emergenza, un paramedico può usare una specie di laccio emostatico, che è solo una misura temporanea. I lacci emostatici non riescono a fermare il sanguinamento arterioso maggiore quando non sono abbastanza stretti per comprimere le arterie di un arto, e possono aumentare il sanguinamento dal flusso sanguigno venoso retrogrado. L'uso dei lacci emostatici è controverso. In caso di sanguinamenti minori che non si coagulano, agenti emostatici possono essere applicati esternamente alla ferita, ma tale tecnica non è efficace in caso di sanguinamento maggiore in pazienti senza disturbi della coagulazione.

Nel nostro esempio, i medici e altri professionisti del settore medico hanno causato un danno di tipo catastrofico ad un paziente che ha subito lesioni solo moderate in un incidente automobilistico. Questo è ciò che può accadere quando i medici si discostano dallo standard di cura generalmente accettato e violano un principio basilare dell'assistenza in pronto soccorso.

Se tu o una persona cara siete disabili a causa del ritardo nel controllo di un'emorragia da trauma, consultate un avvocato con esperienza in malasanità dello Studio GRDLEX.

Per una consulenza gratuita contatta lo Studio con una delle seguenti modalità:

TOP
Consulenza Gratuita Ora